fbpx
Alto

Anno Compostelano 2021

L'Anno Santo a Santiago de Compostela

Conosciuto anche come Año Santo o Año Xacobeo, l’Año Jubilar a Santiago de Compostela si celebra ogni volta che il 25 luglio cade di domenica. Questo avviene con una sequenza temporale ogni sei, cinque, sei e undici anni. Gli ultimi quattro anni santi sono stati nel 1993, 1999, 2004 e 2010. Il prossimo 25 luglio che coinciderà con una domenica avverrà questo 2021.

L’ anno giubilare si inaugura con l’apertura della Porta Santa la sera del 31 dicembre dell’anno precedente per poi rimanere aperta i dodici mesi successivi. Sarà l’accesso che utilizzeranno i pellegrini per entrare nella cattedrale una volta giunti a Santiago. Proprio come simbolo della durezza del Cammino, l’arcivescovo di Santiago colpisce tre volte con un martello d’argento il muro che chiude questo accesso che si trova nella nota piazza della Quintana, in un lato della Cattedrale. I molti pellegrini che giungeranno a Santiago durante l’anno Compostelano, avranno la possibilità di ottenere l’indulgenza plenaria o il perdono dei peccati che concede la Chiesa in qualsiasi giorno. La Porta Santa della Cattedrale di Santiago de Compostela è stata aperta il 31 dicembre 2020 alle ore 17:00 in periodo di pandemia, senza pellegrini da accogliere data appunto la situazione sanitaria che ancora oggi stiamo vivendo.

Perchè intraprendere il Cammino

A nostro parere sono molti i buoni motivi per scegliere di intraprendere il Cammino nel corso di questo anno particolare in cui ognuno di noi ha vissuto una situazione intensa, insolita e provante. L’atmosfera a Santiago sarà ancora più calorosa e speciale, questa ricorrenza così sentita, consentirà infatti di vivere intensamente il Cammino permettendoci di approfondire quella relazione speciale in cui è fondamentale investire del tempo di qualità per noi stessi.

A rendere speciale poi il Cammino in questo periodo è che, lungo i percorsi che portano a Santiago, si avrà l’occasione di incontrare altri pellegrini, molto probabilmente a noi affini per diversi motivi, come noi si trovano infatti sullo stesso cammino, nelle stesse condizioni (clima, distanza, fatica, dislivelli del terreno) e condividono un’esperienza di base uguale alla nostra. Questo, dopo un lungo periodo in cui abbiamo dovuto mantenere le giuste distanze dagli altri, ci consentirà di entrare in empatia in un modo nuovo e naturale, più sincero e profondo, facendoci sentire simili anche con coloro che provengono da paesi e realtà diverse.

La possibilità di incontro che si moltiplica sul Cammino è forse un elemento quasi magico che ci permette di eludere quelle barriere che spesso nella quotidianità ci autoimponiamo quando ci troviamo a vivere nuove relazioni. Sul Cammino siamo più portati ad aprirci verso l’altro e a parlare di noi, del motivo del nostro cammino e della volontà che sta alla base di questo viaggio. E’ proprio questo aprirsi con l’altro e con noi stessi che renderà significativa l’esperienza.

 

Speriamo di avervi fatto venire voglia di mettervi in cammino e vivere l’atmosfera dell’Anno Compostelano.

Vi invitiamo a visionare le nostre proposte di viaggio a Santiago, chissà che questo possa essere davvero l’anno giusto per mettersi in cammino! Vi aspettiamo!

Siamo spiacenti, il modulo di commento è chiuso in questo momento.

Invia
1
Invia la tua richiesta qui
Buongiorno, inviaci la tua richiesta. Ti risponderemo dal lunedì al venerdì dalle 09:00 alle 18:00. Grazie per averci contattato. Lo staff Rusconi Viaggi.